30 agosto 2009 7 30 /08 /agosto /2009 15:04

Pietro Pomponazzi, filosofo umanista, sosteneva, come Aristotele, che l'anima è forma del corpo, quindi non può operare fuori dal corpo, ovvero non può conoscere al di fuori dei sensi. Tutte le funzioni dell'anima sono legate al corpo quindi muoiono con esso, respingendo, in questo modo, la tesi teologica di San Tommaso e quella del Razionalismo averroista di una trascendenza ed immortalità dell'intelletto.


Da allora, numerose sono state le posizioni, più o meno contraddittorie, più o meno condivisibili.

Sicuramente l'effetto più evidente creato dalla fede nell'immortalità dell'anima è di impedire che si commettano reati, per timore della dannazione eterna. Statisticamente, si fa il bene più per il timore di un danno eterno che per la speranza di un bene senza fine.

Ma è davvero così? E' proprio vero, come sostengono taluni, che in un ipotetico mondo in cui fosse prevalente la mancanza di una prospettiva di vita futura dopo la morte ci sarebbe il rischio di un possibile caos planetario?

 

Il giudizio divino legato all'immortalità dell'anima non preclude il peccato. Spesso, anche chi crede nell'immortalità continua a peccare, mentre vi sono molte persone che pur non credendovi conducono una vita virtuosa, come dire, chi non crede nell'esistenza di alcuna forma di dio non è privo di un'etica: molte volte tra questi soggetti si annidano i comportamenti migliori.

Proprio lo stesso Pomponazzi ci aiuta in questo scenario introducendo la virtù come premio a se stessa, quindi indipendente da una continuità della coscienza, dalla paura di eventuali castighi divini.

L'azione virtuosa è coerente con l'essenza razionale della natura umana, perchè riesce a rendere l'uomo felice, qui e subito, a prescindere da un eventuale premio futuro: il premio è dato dallo stare bene ora, per aver compiuto un'azione buona, efficace, costruttiva, e magari anche dalla speranza di ottenere denaro o dignità, why not? Parallelamente l'azione viziosa porta a comportamenti che alla lunga depauperano l'uomo sotto la spinta delle passioni, creandogli sofferenza e pena.

 

Ma allora, se la mortalità dell'anima è plausibile, mantenendo invariati gli equilibri immanenti, ne consegue che nessun dio governerebbe l'universo o che se lo governasse sarebbe ingiusto. Il rifiuto dell'immortalità dell'anima comporta, infatti, il permanere, in eterno, delle ingiustizie del mondo, l'impunità, cioè, per tanti delitti ed il mancato riconoscimento dei comportamenti virtuosi. E questo è in totale contraddizione con le Scritture.

 

Un dio ingiusto, quindi, o che non governa l'universo. O che non esiste.

E questo quadro darebbe ragione anche ai moltissimi pensatori, come Machiavelli e ancor più nel passato, Crizia (la stilista ha la K) che consideravano le religioni come modalità per tenere sotto controllo le azioni umane; tutti sanno che chi gestisce e controlla, mente costantemente sull'esistenza di leggi e regolamenti per tentare di indirizzare a basso costo i comportamenti dei più ingenui o meno informati.

Religione come "uomo nero"?

 

(heidi)


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi post

Repost 0
Published by Maurizio Fiumara - in studi e ricerche
scrivi un commento

commenti

philosopher 01/07/2011 22:04



Sono un profondo sostenitore dell'inesistenza dell'anima come consapevolezza ultraterrena. Non lo penso per ribellione, ma per una mia sensibilità. Sento che tutta la mia esistenza sia qui e
adesso. Mi sembra davvero evidente



SCUSATE PER LA PUBBLICITA' MA I PAGLIACCI DI OVER-BLOG 

SI RITENGONO LIBERI DI FARE QUELLO CHE VOGLIONO,

IN DEROGA ALLE REGOLE PRESTABILITE.


IL MIO NUOVO BLOG "LA TALPA E LA CIVETTA" LO TROVATE

LINKATO NELLA MIA BIO

 

 

 

 

 

“Quando considero la breve durata della mia vita, sommersa nell’eternità 

che la precede e la segue, il piccolo spazio che occupo e financo che vedo, 

inabissato nell’infinita immensità degli spazi che ignoro e che m’ignorano, 

io mi spavento e stupisco di trovarmi qui piuttosto che là, non essendoci 

nessuna ragione perchè sia qui piuttosto che là, oggi piuttosto che domani. 

Chi mi ci ha messo? Per ordine e per opera di chi questo luogo e questo 

tempo furon destinati a me?"


(da Pensieri, Blaise Pascal)

 

 

 

All rights reserved

Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons: se riprodotti altrove integralmente, i suoi contenuti dovranno essere attribuiti inserendo esclusivamente un link all' originale. Se riprodotti in parte, dovranno essere attribuiti specificando il nome dell’autore ed il nome del blog.

Vieni a trovarmi anche su:

 La talpa e la civetta

Tutti gli uomini nascono aristotelici o platonici: le opinioni e le interpretazioni difficilmente interesseranno i primi, i fatti e le dimostrazioni non convinceranno mai i secondi.
(Conversazione a tavola di S.T. Coleridge).

 

Ma se i buoi, i cavalli e i leoni avessero mani o potessero dipingere e compiere quelle opere che gli uomini compiono cone le mani i cavalli dipingerebbero immagini degli Dèi simili ai cavalli, i buoi simili ai buoi, e plasmerebbero i corpi degli degli Dei simili all'aspetto che ha ciascuno di essi.                                 (Senofane)

 

Non cesseremo di esplorare 
E alla fine di tutto il nostro esplorare 
Arriveremo al punto di partenza 
E conosceremo il luogo per la prima volta.

                               (Little Gidding di T.S.Eliot)

 

 

Ho attraversato i continenti 
Per vedere il più alto dei mondi 
Ho speso una fortuna
Per navigare sui sette mari
E non avevo avuto il tempo di notare 
A due passi dalla porta di casa 
Una goccia di rugiada su un filo d’erba.

                                    (Rabindranath Tagore)

Categorie